• info@robertoaiello.net

Blog

Python: Script to read and show random videos from your raspberry

Hi everyone,

in this article, I write a minimal script in python to read and show random videos (mp4,etc…) from your raspberry . This script use omxplayer.

#!/usr/bin/env python
# -*- coding: utf-8 -*-
import os
import random
import subprocess
#from subprocess import Popen
path = ‘my directory
files = os.listdir(path)
n = len(files)
print(‘Element found: ‘ + str(n))
for file in files:
print(file)
#os.system(‘omxplayer -b -o local “‘ + path + ‘/’ + files[rand] + ‘”‘)
#omxp = Popen([“omxplayer”,”-b”,”-o”,”local”, path + “/” + files[rand]])
while True:
rand=random.randint(0,n-1)
print(‘Element random select: ‘+ files[rand])
subprocess.call([“omxplayer”,”-b”,”-o”,”local”, path + “/” + files[rand]])
Please change “my directory” with your directory videos (es: /home/video/).
Save the script in file py (es: showVideos.py) and launch from terminal $ ./showVideos.py
In the second example send the directory from argument
#!/usr/bin/env python
# -*- coding: utf-8 -*-
import os
import random
import subprocess
import sys
#from subprocess import Popen
path = sys.argv[1]
files = os.listdir(path)
n = len(files)
print(‘Element found: ‘ + str(n))
for file in files:
print(file)
#os.system(‘omxplayer -b -o local “‘ + path + ‘/’ + files[rand] + ‘”‘)
#omxp = Popen([“omxplayer”,”-b”,”-o”,”local”, path + “/” + files[rand]])
while True:
rand=random.randint(0,n-1)
print(‘Element random select: ‘+ files[rand])
subprocess.call([“omxplayer”,”-b”,”-o”,”local”, path + “/” + files[rand]])
Save the script in file py (es: showVideos.py) and launch from terminal $ ./showVideos.py myDirectory
In short, I will upload the sources into the github
enjoy

Install MySQL server on Raspberry Pi

Now we’re ready to start the installation. First we need to ensure everything’s up-to-date:

sudo apt-get update && sudo apt-get upgrade

Install any out of date packages when prompted. Next we’re going to install the actual MySQL server by typing:

sudo apt-get install mysql-server --fix-missing

I tend to use the –fix-missing flag when installing mysql-server as in the past I’ve found some packages were missing. You should be prompted for a root password:

Firmware Update Raspberry Pi

Choose a secure password, and keep it safe. You will need this later to create additional users for WordPress. You will be prompted to confirm your password:

Firmware Update Raspberry Pi

 

Once you’ve confirmed your password, MySQL server should finish installing and the service should start.

Next, you’ve created a database and users with:

  • MySql console
  • MySql Workbench ( sudo apt-get install mysql-workbench )
  • phpMyAdmin

MySql Workbench is my preferred.

 

Convertire Windows Server 2012 R2 EVAL -> Standard

Una piccola guida per convertire Windows Server 2012 EVAL a Windows Server 2012 Stardard.

  1. Innanzittuto bisogna ESSERE IN POSSESSO DI UNA KEY DI Windows Server 2012 Standard valida. Es. la mia key è DBGBW-NPF86-BJVTX-K3WKJ-MTB6V (chiave a scopo informativo)
  2. Dalla PowerShell digitare il seguente comando:

DISM /online /Set-Edition:ServerStandard /ProductKey:DBGBW-NPF86-BJVTX-K3WKJ-MTB6V /AcceptEula

E voilà … il vostro Windows Server 2012 è convertito

How to install lamp server on ubuntu

This is the final guide to install lamp server on your ubuntu (every version).

Please follow this step in your terminal:

sudo apt-get install lamp-server^
sudo apt-get install phpmyadmin

ok! Apache server work fine in http://localhost

Your base local directory webSite is : /var/www/html

Create a phpinfo file (phpinfo.php) in /var/www/html :

<?php
phpinfo();
?>

Test the php: http://localhost/phpinfo.php

If you change directory webSite, please follow this step:

sudo cp /etc/apache2/sites-available/000-default.conf /etc/apache2/sites-available/myWebSite.conf

sudo gedit /etc/apache2/sites-available/myWebSite.conf

and insert the new position webSite:

<VirtualHost *:80>

ServerAdmin webmaster@localhost
DocumentRoot /home/my-home/Documenti/www/

ErrorLog ${APACHE_LOG_DIR}/error.log
CustomLog ${APACHE_LOG_DIR}/access.log combined

</VirtualHost>

save the file and close. Edit the apache configuration:

sudo gedit /etc/apache2/apache2.conf

and add:

<Directory /home/my-home/Documenti/www/>
Options Indexes FollowSymLinks
AllowOverride All
Require all granted
</Directory>

save and close. Change the permission for this directory:

chmod 775 /home/my-home/Documenti/www/

update and restart apache:

sudo a2dissite 000-default && sudo a2ensite myWebSite

service apache2 reload

OPTIONAL: if you enable php message :

sudo gedit /etc/php/7.0/apache2/php.ini

display_errors = On

Save and close.
If you have ubuntu 16 or later with php7 install :

sudo apt-get install php7.0-xml

Build a LAMP Web Server in raspberry pi

Apache is a popular web server application you can install on the Raspberry Pi to allow it to serve web pages.

On its own, Apache can serve HTML files over HTTP, and with additional modules can serve dynamic web pages using scripting languages such as PHP.

Install Apache

First install the apache2 package by typing the following command into the terminal:

sudo apt-get install apache2 -y

Test the web server

By default, Apache puts a test HTML file in the web folder. This default web page is served when you browse to http://localhost/ on the Pi itself, or http://192.168.1.10 (whatever the Pi’s IP address is) from another computer on the network. To find out the Pi’s IP address, type hostname -I at the command line (or read more about finding your IP address) in our documentation.

Browse to the default web page, either on the Pi or from another computer on the network, and you should see the following:

Apache it works

This means you have Apache working!

This default web page is just a HTML file on the filesystem. It is located at /var/www/html/index.html

Install PHP

PHP is a preprocessor; it’s code that runs when the server receives a request for a web page. It runs, works out what needs to be shown on the page, then sends that page to the browser. Unlike static HTML, PHP can show different content under different circumstances. Other languages are capable of this, but since WordPress is written in PHP, that’s what we need to use this time. PHP is a very popular language on the web; large projects like Facebook and Wikipedia are written in PHP.

Install the PHP and Apache packages with the following command:

sudo apt-get install php5 libapache2-mod-php5 -y

Test PHP

Create the file index.php:

sudo leafpad index.php

(or use nano)

Put some PHP content in it:

<?php echo "hello world"; ?>

Now save the file. Next delete index.html because it takes precendence over index.php:

sudo rm index.html

Refresh your browser. You should see “hello world”. This is not dynamic but it is still served by PHP. If you see the raw PHP above instead of “hello world”, reload and restart Apache like so:

sudo service apache2 restart

Otherwise try something dynamic, for example:

<?php echo date('Y-m-d H:i:s'); ?>

Or show your PHP info:

<?php phpinfo(); ?>

Install MySQL

MySQL (pronounced My Sequel or My S-Q-L) is a popular database engine. Like PHP, its overwhelming presence on web servers enhanced its popularity. This is why projects like WordPress use it, and why those projects are so popular.

Install the MySQL Server and PHP-MySQL packages by entering the following command into the terminal:

sudo apt-get install mysql-server php5-mysql -y

When installing MySQL you will be asked for a root password. You’ll need to remember this to allow your website to access the database.

Now restart Apache:

sudo service apache2 restart
 

Google Pixel: Addio Nexus

A noi i vostri dati. Sembra essere questo il succo dell’evento “Made by Google” organizzato ieri sera in una cioccolateria nella Silicon Valley da Big G, per presentare la prima linea di smartphone “completamente” realizzata in casa dal colosso di Mountain View. Virgolette d’obbligo, in quanto i nuovi Pixel e Pixel Xl sono effettivamente prodotti dalla taiwanese Htc, ma per la prima volta Google ha portato sotto il proprio controllo tutto il processo di progettazione, sviluppo e ingegnerizzazione dei dispositivi. Addio quindi al brand Nexus, ritenuto non più in linea con le priorità del gruppo. Che oggi sono più evidenti che mai. Gli smartphone Pixel, infatti, sono in sostanza un’incarnazione in silicio e metallo di Google Assistant, che anima servizi come l’applicazione Allo o come Google Now. Ma in una versione ancora più potente.

La strada è stata ribadita dal Ceo di Big G, Sundar Pichai, che ha parlato dell’intelligenza artificiale come della prossima rivoluzione nel campo dell’informatica. Rivoluzione che parte dal mobile e che l’azienda ha ovviamente intenzione di cavalcare (come d’altronde tutti gli altri principali colossi dell’hi-tech, si veda quanto fatto di recente da Apple, Amazon e Microsoft) da protagonista, grazie proprio all’ingente mole di dati che ogni giorno gli utenti le “regalano” utilizzando il motore di ricerca e tutti gli altri servizi “made in Google”.

Ecco quindi due smartphone di fascia alta, con specifiche molto simili a quelle di altri prodotti come gli iPhone e i Galaxy S di Samsung, ma nati però con uno scopo diverso: quello di diventare col tempo un compagno di “vita” sempre più affidabile, grazie proprio alla capacità dell’assistente di Big G di imparare. Bando quindi al design e all’estetica, quello che conta oggi è ben altro.

 

I nuovi Pixel sono due: uno da 5 e uno da 5,5 pollici. Al centro l’intelligenza artificiale

 

E qui trova radici una delle sfide più difficili per Mountain View: offrire una tecnologia che agli inizi è per forza di cose immatura, ma che è in grado di migliorare nel tempo elaborando input e dati forniti dal proprietario del cellulare. L’obiettivo di Google è ottenere la fiducia dei consumatori, che dovranno concedere sempre di più ai propri dispositivi per ricevere in cambio servizi capaci di evolvere col tempo e di diventare ancora più affidabili.

Dal punto di vista delle specifiche, il Pixel è uno smartphone da 5 pollici con display Fhd Amoled (441 ppi) e batteria da 2.700 mAh, mentre il Pixel Xl offre uno schermo con diagonale da 5,5 pollici e pannello Qhd Amoled (534 ppi, batteria da 3.450 mAh). Entrambi sono protetti dal Corning Gorilla Glass 4, sono spessi 8,5 millimetri e sono realizzati in metallo. Al cuore dei terminali opera il chip Qualcomm Snapdragon 821: quattro core da 2,15 (2) e 1,6 GHz (2). I device presentano poi 4 GB di memoria Lpddr4 e partono da 32 GB di storage interno per arrivare ai 128 (ma Google promette che lo spazio non sarà più un problema grazie al backup automatico in cloud).

Durante la presentazione di ieri Rick Osterloh, ex presidente di Motorola e ora numero uno della divisione device di Big G, si è soffermato molto sulla fotocamera dei Pixel, definendola la migliore che si possa trovare su uno smartphone (riportando i benchmark di Dxomark). I cellulari offrono infatti uno stabilizzatore ottico, un’apertura f/2.0 e un sensore Sony da 12,3 megapixel: grazie a queste specifiche hanno raggiunto quota 89 nell’analisi di Dxomark, superando tutti i diretti concorrenti.

Anche l’iPhone 7, a cui Google ha riservato una seconda “stoccata”, evidenziando come i Pixel implementino ancora l’ingresso minijack da 3,5 millimetri. Gli smartphone offrono poi un connettore Usb Type-C, il classico pacchetto di sensori e la possibilità di girare video anche in 4K. I prezzi sono ovviamente da dispositivi di fascia alta. Si parte da 649 dollari per arrivare agli 869 del modello più capiente. Le colorazioni saranno Quite Black, Very Silver e Really Blue e i device arriveranno in Italia nel 2017 (sono già disponibili nei seguenti Paesi: Stati Uniti, Canada, Germania, Australia e India).

 

I Pixel arriveranno in Italia nel 2017. Si parte da 649 dollari

 

Non solo telefoni, l’Ai va ben oltre

La scelta di riportare in casa lo sviluppo dei cellulari, e di rendere i dispositivi ancora più smart, si riverbera però anche in altre direzioni. L’idea di Big G è inserire il cellulare in un ecosistema completo, alimentato dall’intelligenza artificiale, che parte dal telefono per toccare ad esempio l’ambiente domestico. Ecco quindi Google Home, altoparlante smart sviluppato per fare concorrenza agli Amazon Echo, comandabile con la voce per far partire il proprio brano preferito, interagire con altri device connessi e conoscere il meteo.

Un vero e proprio maggiordomo 2.0 che si integra con tutta la galassia di servizi Google, ma che al momento non è previsto in Italia. Il supporto è soltanto in lingua inglese e Home sbarcherà solo sul mercato statunitense al prezzo di 129 dollari. E per garantire una linea sempre performante in modo che lo speaker intelligente sia sempre reattivo? Si potrà ricorrere al Google Wifi, router multiplo (fino a tre “ripetitori”) in grado di creare una rete domestica stabile e potente in ogni angolo dell’abitazione.

 

Lo speaker intelligente Google Home farà concorrenza ad Amazon Echo

 

E infine ecco Daydream View, nuovo visore di realtà virtuale di Big G basato sulla piattaforma Daydream già anticipata nei mesi scorsi. L’headset, che costa 79 dollari, prende ispirazione dall’ancora più economico Cardboard per offrire un’esperienza utente avanzata e ancora da mobile. Ovviamente si dovranno utilizzare smartphone compatibili (e i Pixel sono i primi, ma altri seguiranno). Il Daydream View, realizzato in comoda stoffa, è accompagnato da un controller simile a quello della Nintendo Wii per facilitare l’interazione con l’ambiente virtuale. Google ha già annunciato cinquanta partner che svilupperanno contenuti nei prossimi mesi, compresi Netflix ed Hbo.

Il professionista diventa anche consulente con Genya

Wolters Kluwer Tax and Accounting Italia presenta Genya, una soluzione digitale innovativa per prestazioni, usabilità, look and feel, performance e intuitiva semplicità, che cambierà la vita dei professionisti italiani. Genya è il risultato del lavoro di sessanta ricercatori italiani che hanno dedicato all’innovativo progetto complessivamente circa mezzo milione di ore con un investimento a sette zeri. Cinque anni che hanno visto anche il coinvolgimento di parte della clientela di Wolters Kluwer Tax and Accounting Italia sia nella fase di test del prodotto, sia per dare un contributo concreto al “fine tuning” del software ed elevarne ulteriormente l’usabilità e l’efficienza.

Si tratta di uno strumento in grado di aiutare il professionista nel suo percorso evolutivo, trasformandolo in un “consulente” dei propri clienti. Attraverso Genya, il primo software a brand Wolters Kluwer, la collaborazione diventa il valore centrale. In un’unica soluzione informatica sono racchiusi diverse funzioni: si può ottenere più produttività nelle attività contabili e fiscali (dalle più tradizionali alle più innovative), più velocità nel comunicare, più valore nelle consulenze ai clienti. Attraverso il portale di condivisione webdesk, Genya permette, ad esempio, l’accesso immediato alle funzioni senza la necessità del classico menu “a cascata”, la visualizzazione dei dati in modo da ottenere un maggiore o minore livello di dettaglio anche all’interno di report e di widget, il collegamento tra tutti gli elementi (widget, report, note, agenda, template, eccetera). Il nuovo software offre servizi a valore attraverso i flussi di lavoro predefiniti (Iva, Bilancio, Dichiarazioni Fiscali, Paghe, Libri Ufficiali) o attraverso l’analisi di avanzamento grafica dei processi basati su obiettivi prestabiliti, oppure ancora attraverso un chiaro e facile controllo dell’avanzamento delle attività.

Genya propone un’architettura unificata e interoperabile tra studi professionali e piccole e medie imprese. La soluzione digitale è stata studiata per rendere veramente facile e naturale la collaborazione fra professionista e cliente.  Una piattaforma fruibile in cloud permetterà l’integrazione tra i software Wolters Kluwer Tax and Accounting Italia dei professionisti e dei loro clienti per l’acquisizione e l’elaborazione di dichiarativi, documenti e fatture sviluppata con metodologie davvero innovative.

Pierfrancesco Angeleri, managing director di Wolters Kluwer Tax and Accounting Italia, ha ben chiaro l’approccio al mercato con un prodotto innovativo come Genya: “Sono oltre sedicimila i nostri clienti italiani che a loro volta assistono oltre un milione di aziende. L’impegno profuso in Genya è dedicato a loro e ai tanti altri professionisti che guarderanno la nostra innovazione con attenzione e curiosità”, ha commentato Angeleri. “Stiamo portando al mercato italiano il ‘manifesto di Genya’, perché lungo le direttrici dell’Agenda Digitale assistiamo a un’importante trasformazione anche nel mondo dei professionisti”.

Come sottolineato dal managing director italiano, oggi “sempre più tutto ciò che è informatizzato tende a diventare commodity, i soggetti che non adeguano la propria offerta si troveranno sempre più sotto la pressione di una concorrenza giocata sulla guerra dei prezzi. Oggi si punta a espandere l’attività dal semplice adempimento fiscale ai servizi di consulenza. Genya è ancora una volta la dimostrazione di quanto Wolters Kluwer Tax and Accounting Italia possa aiutare il mondo professionale nella sua naturale evoluzione”

Developer hybrid App

This is a simple guide to install and configure a development environment to developer hybrid App with Apache Cordova and Ionic Framework.
Please follow this step:

You work in any editor (your prefered editor)

You use “sudo” command only MAC or Linux (superuser privileges) … in windows PC remove “sudo” command …

–> Install Node.js

install node.js into your MAC or PC

https://nodejs.org/en/

From the terminal or command line (in Windows not use sudo command):

–> Install Apache cordova

$ sudo npm install -g cordova

–> Install Ionic framework

$ sudo npm install -g ionic

–> Start New Ionic Project (myApp is the name of my project)

$ sudo ionic start myApp tabs —> New tabs project
$ sudo ionic start myApp blank —> New blank project
$ sudo ionic start myApp sidemenu —> New sidemenu project

-> for Custom Template

$ sudo ionic start myApp ../ionicTemplates/myTemplate —> New Custom project

–> Add Platform

$ cd myApp —> position in myApp directory
$ sudo ionic platform add android
$ sudo ionic platform add ios —> only MAC OSX

–> Test & launch App in browser

$ cd myApp —> position in myApp ditectory
$ sudo ionic serve

–> Generate mobile App

$ cd myApp —> position in myApp ditectory
$ sudo ionic build android —> for android
$ sudo ionic build iOS —> for iOS only MAC OSX

–> Emulate App

$ cd myApp —> position in myApp directory
$ sudo ionic emulate android —> for android
$ sudo ionic emulate iOS —> for iOS only MAC OSX

–> Run App into Device

$ cd myApp —> position myApp directory
$ sudo ionic run android —> for android
$ sudo ionic run iOS —> for iOS only MAC OSX

——————————————————————————

–> Create App from Web (ionic web designer)

https://creator.ionic.io/app/login
or
https://creator.ionic.io/app/signup

–> Ionic Market

http://market.ionic.io/

–> Ionic guide (Italian language)

http://market.ionic.io/

Download e streaming on line, cosa dice la legge

A quanti non è mai capitato di guardare un film in streaming o di scaricare dei brani musicali tramite software di file sharing quali emule o µtorrent, per poi poter fruire di tali contenuti comodamente seduti sul divano di casa?

Per quanto comuni, tali operazioni possono presentare svariate insidie: non tutti sanno infatti, che queste attività possono spesso entrare in contrasto con la legge italiana (in alcuni casi si può andare incontro ad una sanzione di carattere amministrativo e, in quelli più gravi possono esserci gli estremi per una condanna penale).

Depositphotos 50341587 l 2015Uno dei principali motivi che ha portato molti utenti a versare in uno stato di incertezza su cosa sia lecito o meno fare attraverso il web è rappresentato dalla legge sul diritto d’autore e dalla sua ormai datata formulazione, risalente infatti al lontano 1941 e comprensibilmente ideata per proteggere il diritto d’autore (o copyright) dalle insidie degli originari mass media (stampa, telefono, tv ecc.)

La sopra citata normativa ha richiesto numerosi interventi per adeguarla al continuo avanzare della tecnologia e di internet, ma non sempre, tuttavia, il legislatore è riuscito a far fronte tempestivamente agli sviluppi tecnologici: ci sono stati più interventi, anche giurisprudenziali, che anziché semplificare ed uniformare la disciplina, l’hanno reso frastagliata e incerta (sono ancora riscontrabili importanti lacune).

In questo articolo cercheremo di ricostruire la materia attraverso un quadro generale, ponendo particolare attenzione alla legge sul diritto d’autore e indicando i confini tra attività che possono essere considerare legali o meno (in attesa di un’auspicabile innovazione normativa che colmi le numerose lacune), in modo tale da fornire al lettore gli strumenti minimi necessari per poter agire nel rispetto delle normative vigenti.

Appare utile analizzare inizialmente cosa sia il diritto d’autore, in particolare per quanto riguarda download e streaming online.

Scaricare un file è legale?

Ai sensi dell’art. 2575 c.c., formano oggetto del diritto d’autore tutte le opere dell’ingegno di carattere creativo che appartengono alle scienze, alla letteratura, alla musica, alle arti figurative, all’architettura, al teatro e alla cinematografia, qualunque ne sia il modo o l’espressione; è facile intuire come in questa categoria rientrino anche film, musica, foto, software e files in generale scaricati da Internet.

Depositphotos 22283795 l 2015
Per questo tipo di opere, attività come la duplicazione, la pubblicazione, la messa in commercio e altri comportamenti analoghi sono protette dalla legge sul diritto d’autore che prescrive le condotte da evitare e indica le relative sanzioni in caso di violazione. Con particolare riferimento alle operazioni di download, analizzando con attenzione la citata normativa, si evince chiaramente come siano ipotizzabili diverse condotte illecite, punite, a seconda della gravità, con modalità differenti.

Come regola generale è necessario prendere in considerazione il dettato dell’articolo 171 (comma a bis) secondo cui chiunque mette a disposizione del pubblico, immettendola in un sistema di reti telematiche con connessioni di qualsiasi genere un’opera protetta da diritto d’autore o parte di essa è punito con una multa (che può variare da un minimo e euro 51 a un massimo di euro 2.065).

Depositphotos 47434697 l 2015

Oltre a questa disposizione di carattere generale esistono, come anticipato, casi specifici. Il primo caso ipotizzabile è quello di un utente che, per un uso strettamente personale, decide di scaricare un file coperto da copyright (come ad esempio il download di un film).

In questa situazione, in base all’articolo 174 ter della legge, pur non configurandosi alcuna fattispecie delittuosa, il comportamento risulterà comunque illecito, in quanto è prevista una sanzione pecuniaria amministrativa (trattasi di una piccola somma di denaro che può aumentare in caso di recidiva o per ingente quantità di copie possedute), oltre alla possibilità d’infliggere le pene accessorie della confisca del materiale illecito e della pubblicazione del provvedimento  su un quotidiano di carattere nazionale.

Maggiori criticità derivano dall’ipotesi in cui un soggetto, dopo aver effettuato il download di un qualsivoglia files coperto da copyright,decida di condividerlo (ad esempio attraverso un software di file sharing come emule), riprodurlo online o venderlo.

Chi ci guadagna rischia di più

È evidente come in questo caso risulti maggiore il danno subito dal titolare del diritto d’autore, in quanto l’opera può potenzialmente entrare nella disponibilità di più soggetti, i quali a loro volta possono condividerlo e diminuire le sue speranze di guadagno: in tal caso, se l’azione è avvenuta con scopo di lucro, la sanzione sarà di carattere penale e molto più severa: possibile reclusione da 6 mesi a 3 anni più una multa molto salata. Quando invece l’azione avviene in assenza dello scopo di lucro si applicherà la generale disciplina citata in precedenza (art 171).

Depositphotos 47583353 l 2015

Il limite di demarcazione è rappresentato dunque dallo scopo di lucro, che la giurisprudenza prevalente identifica come un fine di guadagno economicamente apprezzabile o un incremento patrimoniale dell’autore dell’illecito: deve dunque esserci un vantaggio di carattere economico in capo all’autore dell’illecito che può, a scopo esemplificativo, essere rappresentato o dal corrispettivo ricevuto per la vendita del file o dall’aver risparmiato una somma di denaro necessaria per acquistare un software.

Lo streaming

Programmi P2P e copia privata non sono illegali

Quanto affermato sopra fa capire anche perché emule, utorrent e simili siano ancora in circolazione.

Infatti questi software non sono di per sé illegali: chiunque, volendo, può condividere foto, video o altri files che riguardano la propria persona: non è il software ad essere illegale ma solamente l’uso che ne facciamo, come può ipotizzarsi con una condivisione di files protetti da copyright.

Depositphotos 40849161 l 2015

Infine, occorre specificare che acquistando l’originale di un’opera protetta da diritto d’autore si possono effettuare tutte le copie che si desiderano (come ad esempio convertire in mp3 i brani di un disco per ascoltarli sul proprio lettore), ma anche in tal caso l’utilizzo deve essere strettamente personale: condividere o vendere (scopo di lucro) le copie costituisce un illecito, perché chi usufruisce del file condiviso non ha pagato e quindi riceve gratuitamente un file protetto da copyright.

Streaming online e legge italiana

Regole differenti valgono invece per lo streaming, pratica che al giorno d’oggi sta diventando sempre più comune: lo streaming consente di fruire online di file audiovisivi in modo semplice e veloce (connessione internet permettendo) senza dover effettuare il download del file stesso. È un’operazione anche marginalmente più sicura, considerando che nei file scaricati potrebbe nascondersi del malware.

Bisogna fare una differenza tra il titolare del sito di streaming e chi invece si limita a vedere il video. Per il primo valgono le disposizioni precedentemente analizzate per il download e le rispettive sanzioni indicate agli articoli 171 e 171 ter.

Chi guarda film in streaming invece si colloca in un’area più complessa: in base all’attuale quadro legislativo (la legge sul diritto d’autore non prevede ancora nulla a proposito) è possibile collegarsi e usufruire di un sito che mette gratuitamente a disposizione files audiovisivi coperti da copyright senza incorrere in alcuna sanzione(se il file invece viene scaricato si ritorna al discorso trattato nel precedente paragrafo).

Mettere un link a una pagina di streaming

È ancora incerta invece la posizione di quel sito che ospita un link, ma è alla destinazione di quel collegamento che troviamo lo streaming illegale: la discussione è ancora aperta, ma per il momento in una recente pronuncia il Tribunale di Roma (Sez. Proprietà Industriale e Intellettuale, n. 19349/2013) ha configurato la condotta come illecita precisando che, anche qualora il contenuto sia già pubblico sul web (e dunque visibile a tutti), tale condotta rappresenta comunque un’agevolazione alla visione di materiale coperto da copyright.

Per completare la disciplina possiamo infine indicare un’apertura data dall’art 2 della legge n. 2/2008 alla diffusione online di opere protette dal diritto d’autore alle seguenti condizioni: “È consentita la libera pubblicazione attraverso la rete internet, a titolo gratuito, di immagini e musiche a bassa risoluzione o degradate, per uso didattico o scientifico e solo nel caso in cui tale utilizzo non sia a scopo di lucro. Con decreto del Ministro per i beni e le attività culturali, sentiti il Ministro della pubblica istruzione e il Ministro dell’università e della ricerca, previo parere delle Commissioni parlamentari competenti, sono definiti i limiti all’uso didattico o scientifico di cui al presente comma“.

Non ci resta quindi che rimanere in attesa di un intervento del legislatore per delineare in maniera più marcata i labili confini di legalità dettati dalla normativa vigente.

Una versione più dettagliata, con riferimenti completi alla normativa vigente, si può leggere sul sito Diritto dell’Informatica.

Per leggere l’articolo completo del Dott. Luigi Dinella clicca qui.

I robot ruberanno il 6% dell’occupazione negli Usa

Ai problemi degli Stati Uniti, alla vigilia di elezioni presidenziali davvero storiche (comunque andrà, che vinca Hillary Clinton o Donald Trump), se ne aggiunge un altro: i robot. In soli cinque anni, da qui al 2021, il 6% dell’attuale forza lavoro potrebbe essere eroso a causa della sostituzione dei professionisti in carne o ossa con macchine intelligenti, capaci di operare in modo più efficiente e con minori costi. Tanto afferma un nuovo studio di Forrester, firmato dal ricercatore Bryan Hopkins, e di cui il Guardian ha fatto circolare alcuni dettagli. Associata a cloud computing, Internet of Things e intelligenza artificiale, la robotica è una delle tendenze tecnologiche destinate ad avere più impatto sul mondo delle aziende e dell’industria nel medio periodo.

“Entro il 2012 l’ondata distruttrice sarà cominciata”, scrive Hopkins. “Soluzioni alimentate dalla tecnologia cognitiva di intelligenza artificiale sostituiranno molte occupazioni, con particolare impatto nei settori dei trasporti, logistica, servizio clienti e servizi consumer”. E tutto questo certamente non suona nuovo, perché molto si è già visto all’opera: dai robot indipendenti o teleguidati che operano incatena di montaggio, a quelli che spostano e prelevano merci nei magazzini, fino ai chatbotalimentati dall’intelligenza artificiale, capaci di dialogare con un cliente e gestire operazioni di troubleshooting.

Quello che colpisce, però, è la quantificazione dell’impatto: 6% in cinque anni è moltissimo, specie considerando che non viviamo in tempi di boom economico e occupazionale. Per arrivare a tanto, oltre alle tecnologie di già largo impiego come quelle citate, entreranno in gioco i veicoli a guida autonoma che oggi sono per lo più ancora sperimentazioni. Sperimentazioni non sempre perfette, come dimostrano gli incidenti e gli hackeraggi-demo del pilota automatico della Tesla Model S o della Jeep Cherokee, le tecnologie driverless stanno comunque raccogliendo investimenti e sforzi massicci sia dai grandi nomi dell’automotive (come Ford e Volvo) sia da quelli dell’It (Google, innanzitutto, ma anche Apple con il pur incerto Project Titan).

Senza dimenticare Uber, che con Volvo sta avviando alcuni test su taxi senza conducente nella città di Pittsburgh, in Pennsylvania. E dunque, per riprendere le parole dello studio di Forrester, le premesse di quella che presto potrebbe diventare un’onda distruttrice oggi ci sono già tutte. Se poi pensiamo ai 3,5 milioni di veicoli pesanti in circolazione negli States, ecco che in futuro anche nel trasporto merci sul posto del guidatore potrebbe non sedersi più nessuno, mentre il computer di bordo comunica in tempo reali con sensori, fotocamere e con il cloud.

 

Zenbo, il “robot da compagnia” di Asus

 

Fra le categorie professionali a rischio sostituzione vanno citati commessi e receptionist, come già si inizia a vedere (ancor in casi isolati, a volte curiosi) in Giappone. Per il Paese del Sol Levante, lo scorso anno uno studio del Nomura Research Institute prevedeva scenari ancor più drammatici di quelli di Forrester: entro il 2035 un posto di lavoro su due (il 49%) potrà essere occupato da una macchina. Per gli Stati Uniti, invece, si arriverà al 47%. È bene comunque sottolineare come si tratti di proiezioni, che tengono conto dell’evoluzione tecnologica ma non di variabili sociali né delle politiche occupazionali dei governi. E chissà se la “questione robot” entrerà a far parte della prossima campagna elettorale per le presidenziali del 2020.